12.19.2015

Tecniche di pesca; Quale scegliere?


Io penso che una persona che voglia iniziare a pescare deve prendere in esame alcune cose per scegliere quale tecnica preferire.

a)      La sua attitudine personale fisica/psicologica nel senso se gli piace muoversi oppure stare fermo Passiamo dall’ estremo della pesca in riali di montagna a spinning  alla pesca alle carpe statica stando giornate intere anche in riva all’ acqua passando per una via di mezzo alla pesca al colpo (cioè con galleggiante) in torrenti di fondovalle dove analizzato un spot per x tempo si passa ad analizzarne un altro più a valle o più a monte. Pesche statiche ma di concentrazioni e con movimenti da fermo le possiamo mettere nella pesca al colpo e nel ledgering. Nel primo caso ci si muove pasturando e lanciando e ci si concentra sui movimenti del galleggiante; Nel secondo caso lanciando e recuperando ogni tot minuti il pasturatore e concentrandosi sui movimenti del cimino. La pesca a mosca si può definire di movimento sia nello svolgimento della stessa sia nel cambiare luogo. In laghi a pagamento insidiando le trote il movimento sarà il lancio e recupero della montature  ed eventuali spostamenti.
b)      I luoghi a breve e/o media distanza a disposizione. In Sicilia ad esempio è da scordarsi di fare spinning in riali (e penso non vi siano laghetti a vocazione trotaiola) mentre esistono alcuni bacini artificiali adatti ad altre tecniche.

--I costi. Iniziando non si andrà su attrezzature di alta qualità e prezzo e quindi direi .

-Pesca in montagna con esche natura lici vuole  una canna telescopica ,  ci si abina un mulinello caricato con del buon filo (essenziale). Indispensabili gli stivali tutta coscia con suola antiscivolo. Ami e minuteria vari a(piombi, forbice, slamatore, pinza e galleggianti intagliati)

https://www.youtube.com/watch?v=53BRo_3o1Fc

-Pesca in montagna a spinning: Canna da cm 180/210 (30-50 euro)  Stivali , mulinello N 1000 ed esche artificiali cioè un po’ di cucchiaini rotanti del N 1 e 2 oppure Martin da 3 a 6 gr(la differenza è che i rotanti normali hanno la paletta inserita nell’ asse con un cavalierino mentre i Martin direttamente ) e piccoli minnows oltre a girelle con moschettone per cambiare l’ artificiale in breve tempo.
https://www.youtube.com/watch?v=rkZRp30TxLg

-Per lo spinning medio pesante di fondovalle e pianura sempre stivali anche se in alcuni spot possono bastare quelli corti. La canna dovrà essere più lunga e potente passando ad una metri  210/240/270 e considerando se si vogliono insidiare persici reali, Black Bass, trote e/o cavedani oppure pesci di mole maggiore come i lucci, Luccioperca, Aspi e ancor di più maggiorata per i grandi siluri. Mulinelli dal N 1000 al N 4-5000. Gli artificiali anche loro diventano più grossi passando da euro 5 circa per un martin 28 gr a 10-15 euro per i minnows (ma ve ne sono di maggior prezzo); utili anche gli ondulanti.







-Per la con galleggiante si dovrà avere
una canna bolognese (cioè con anelli) dai 5 ai 7 metri oppure una canna fissa. Mulinello N 1000 o 2500. Stivali lunghi necessari se si debba entrare in acqua e corti per zone fangose.
Guadino, galleggianti, piombi,pinza stringi piombo, filo logicamente, ami di varie misure. Il filo del finale sarà di dimensione minori di quello caricato nel mulinello. Esistono in commercio già ami legati da unire alla lenza madre.

https://www.youtube.com/watch?v=3JdJw1juqmw



_-La pesca a fondo classica è la più facile bastando una canna di almeno 4 metri, un mulinello del 2500 o 4000 imbobinato con filo minimo 0.22, piombi piatti od ad oliva, guadino e ami. Nel caso si sia disattenti mettere un campanellino in testa alla canna postasù "bastoni" a forma di Y o similari.
https://www.youtube.com/watch?v=XcfgY-KIrq8


-La pesca a fondo nella versione Ledgering  andrebbe fatta con canne apposite a più punte
ma iniziando si può usare una normale canna da fondo ed agendo come sopra; la differenza stà che prima della girella posta a fine della lenza madre andrà inserito o direttamente sul filo o con un accessorio un pasturatore. Nel primo caso per cambiarlo dovremo tagliare la lenza mentre nel secondo caso basterà sganciarlo dal moschettone.  La tecnica prevede di lanciare nello stesso posto ed anche non vedendo abboccate ricaricare il feeder o il method.
Il Method è per pasturare con pasture mentre il feeder per i cagnotti che usciranno dai buchi. Nulla impedisce che nel feeder sia inserita anche pastura. Sempre forbici e slamatori con l’ aggiunta di porta canna. Ne esistono di tipi con avvisatori acustici ed altri no. Stivali corti possono bastare.

https://www.youtube.com/watch?v=SJh_C0vnZnI


-La pesca a fondo nella versione carpfishing è di lunga attesa (anche giorni e notti) e dedicata alla pesca della grossa carpa. E’ molto costosa per attrezzi usati da esperti ma possiamo sopperire usando canne da fondo con campanellino, mulinello N 4000 almeno con fili o trecciati potenti  e piombo. La differenza è che l’ esca non è nell’ amo ma fuori di essa. La foto aiuterà a capire e vendono lenze già fatte.
La pasturazione andrà fatta anche nei giorni precedenti  con boiles ed altro (leggetevi qualche articolo). Le boiles sono care ma si posso fare in casa ed anche qua troverete molta letteratura nel Web. Grossi guadini, minuteria, stivali o no a seconda del luogo.


Costruire Boiles

https://www.youtube.com/watch?v=t1Ksc0d853c

_-Pesca a mosca:  In tale tecnica è imprescindibile una canna apposita , mulinello apposito con avvolto uno speciale “filo” o meglio una cordicella detta “coda di topo” a cui si legherà il finale di nylon con 1-3 moschette. Stivali indispensabili e anche nella versione Wader cioè fino alle ascelle. In quasi tutte le zone italiane vi sono corsi di pesca per questa tecnica.
https://www.youtube.com/watch?v=ox_mWTY_LJc


H2O (acqua) con Giorgio Cavatorti

Sono con Giorgio Cavatorti nato nel 1967 a   in provincia di Reggio Emilia              e residente a  Montecchio Emilia  (potremmo a...