spinning


sabato 27 maggio 2017

Tourism and fishing at Lake Mergozzo (Northwest Italy-Piedmont Region)

Photos at bottom of article ..

Et's just start by saying that if there is some outspoken reader of No Kill abstain from continuing reading. Most VCO fishermen are accustomed to eating fish and even more so keeps my friend Ruggero having a Hotel / Restaurant where freshwater fish is needed and it is illogical to keep them back because he also money Do not throw it away. The lake is very clean because it is forbidden to go on a boat with an explosive engine and you can relax in special areas or in the garden that Hotel 2 Palme reserves to hosts.

Lake Mergozzo is a splendid waterfowl surrounded by forests and dominated by Mount Orphanus; Formerly it was joined to Lake Maggiore, the so-called Sinus Mergotianus. Then the floody floods of Toce have caused detachment. The tributaries of the lake are the rio Rascina and the rio Valle dei Nocci. It is possible to drive only the most east shore on the state road leading to the homonymous country while the opposite side is engraved by human presence only by the railway. To the south is a beautiful canneto and to the north the country is characterized by a small but pretty piazzetta where a secular olm reigns.



Currently the connection between the two basins is through a small channel almost 3 km long and the water flows from the Mergozzo to the Verbano since it is elevated compared to the Major of about 1 meter. The length of the basin is about 2.35 km, the width of just over a kilometer, the circumference of 6 km, the maximum depth is 74 meters, the volume of water is 89 million cubic meters. It is one of the cleanest lakes in our peninsula due to the lack of industries on the banks. Fishing is profitable especially from the boat, even though it leaves space on the shore in the homonymous country and in some places along the provincial. Fishing in the canal is very difficult because of the poor depth of water and the widespread cannons but there are discrete picks and the rare swabs of the inflamed dung that go away if you are not prudent in the approach. It only lacks rowing.



Populated with carp, which also reaches extra weights, but which on average touch 10/12 kg, is a great alternative half for carpfishing lovers. A great place is about a kilometer from the village where a pitcher is entered and flat and grassy banks offer spaces in the wet summer.


Discreet presence of chubby but difficult to catch with natural bait as in all the steep waters. For real perches, it is better to use the live fish that may also affect some sowing trout or rare stills. Discreetly present the Agoni, who will also be sailing in the beginning of summer by fishing from the shore with locally purchased mahogany. Cane on 4 meters and lead of 20/25 gr. At the end of the line. It launches as long as possible and retrieves fast to tears. The best hours are the evening hours approaching the dark and until the law gives fishing opportunities. Once the herd is located and the depths will work, it will also be possible to make multiple catches. As a rule towards evening this fish acts almost to the surface and so fly fishing is possible if it is near shore.

There are big picks and trout though it's hard to pick but embalming two palms in the hotel prove it



Spinning offers discrete opportunities in addition to the species mentioned above also for picks and Black Bass near the cane on the southern shore. For both species try near the cane with spinnerbait or poppers if only the centrartide is insidious.

The best area for the exocid is the shore near the mountains where the best technique is the silicon sealed fish in the head of generous size. It is also logical to act with the Mort Maniee with good weight mounts, and perhaps trigger small size but already legal measures. So "discrete fish" will also select the size of the pike. Still present, the Alpinus salty Alpinus who are fishing with the "cannon" on the shoulder from the boat using amethysts with chironomic imitations.


Same thing for crocodile even though the artificial ones look like camels. The specimens, however, are mostly represented by small subjects is a specific fishing is not profitable. But for the chronicle we have to signal their presence. It is worth noting that the Mergozzo fish's lunaticity has several "coats" and that the use of the boat is decisive.

The association fisherman manages an incubation that produces 2-3,000,000 small crocodiles and 15,000 small trout with free work



Permits: License and permission issued by the common name as it is an exclusive fishery right of the commune. Until 2007 was granted concession to the local FIPSAS. Good fishing in Hotel 2 Palme da Ruggero Nibbio. In Hotel you can dine in the summer season on the veranda directly on the lake and Hotel has private beach.
Sito web:http://www.hotelduepalme.it

Taste marmalade, yellow risotto with roots of real perch and lime on the Zander lizard.


How to get there: Exit at Gravellona Toce from Voltri-Sempione, take direction Verbania and shortly after the Toce bridge to Mergozzo.

Where to sleep: Two Palme Hotel Via Pallanza 1 28802 Mergozzo VB Tel 0323 80112 - fax +39 0323 80298 The owner is Mr Nibbio, a great lake fishing expert and president of the local fishing association for many years.


To see in the nearby places the pleasant Verbania Pallanza, the Taranto Gardens and the Borromean islands.





http://www.villataranto.it/



You Tube Video

https://www.youtube.com/watch?v=s7NqHZ5TrMA

https://www.youtube.com/watch?v=UeCi2AtBDCY

https://www.youtube.com/watch?v=re3x3LxgUY8

Country Video and Video Hotel

https://www.youtube.com/watch?v=YTR64nrU61g&t=59s

https://www.youtube.com/watch?v=hAEU_PnxubA

https://www.youtube.com/watch?v=r9hAH3lkTWU

http://www.hotelduepalme.eu/index.php/no








Ruggero Nibbio











venerdì 26 maggio 2017

Pescare nelle acque del Fishing Tour Novara nella roggia Mora









Detto corso diparte dal fiume Sesia nel comune di Prato Sesia. La sua origine è molto antica: il primo tratto, denominato roggia nuova , fu realizzato dal comune di Novara attorno al 1100 per sfruttare a scopo irriguo le acque del fiume Sesia . La denominazione “Mora” venne data nel XV secolo quando Federico il Moro la prolungo fino a Vigevano.
Personalmente la vedo come distinti tratti, dato che essa si immette nel torrente Agogna dopo oltre 30 km e ne esce dopo qualche km in sponda opposta. E’ ben evidente che l’ acqua è diversa. La portata media è di 12 metri cubi secondo E per la pesca vi è da dire che molto  difficilmente và in asciutta. Il suo corso fino all’ Agogna è abbastanza sinuoso e quasi naturale eccetto dei tratti in Romagnano paese e poco a valle  e a monte di San Bernardino dove è canalizzato a cemento con sponde verticali. Oltre alle trote presenti anche cavedani, barbi e carpe specie nel tratto finale e vi è in corso un progetto temolo http://www.provincia.novara.it/Pesca/Progetti/ProgettoTemolo.pdf








. Possiamo dire che la corrente è abbastanza sostenuta almeno fino alla passerella Merlini, diminuisce oltre e si calma abbastanza prima dell’ ingresso nel torrente.

Secondo lo scrivente il tratto iniziale appena uscito dal Sesia è pescabile al tocco e a spinning con qualche possibilità per i più esperti anche di fare la passata. Il tratto da Ghemme alla passerella Merlini **la pesca al tocco è la più indicata con pesanti pallettoni e a seguire un difficile ma attuabile spinning.
Nel 2017 sono previsti 800 Kg di immissione di trote oltre a quelle del tratto King Size.
La riserva King sulla roggia Mora apre ufficialmente ad Aprile 2014, nata da un progetto elaborato un paio d’anni prima dall’accordo coi responsabili novaresi de Fishing Tour cioè Renato Pellò e Alberto Rossinie del SCI Novara Il Fishing Tour nasce da una gestioni unitaria di molte acque gestite dalla FIPSAS NO e dal CAGeP che a sua volta è una unione di associazioni di pesca di cui la maggiore è l' APD Novara; Il presidente dalla notte dei tempi è Renato Pellò che io in un articolo sulla rivista PESCARE definii il Messia* delle acque.
. Il CAGeP nacque da una sua idea e si fece  una riunione preliminare in bassa ValSesia fra 13 associazioni sia gestrici di acque sia no. Io ero il rappresentante della Thymaluss assieme a Leonesi dottor Maurizio.
.Modifica orari di pesca del Tratto KING SIZE::a partire da Venerdì 26 Maggio 2017 la pesca sul tratto King Size della Roggia Mora a Prato Sesia e Romagnano Sesia potrà essere esercitata dalle ore 8.00 alle ore 20.00 con chiusura nelle giornate di Martedì Mercoledì e Giovedì.

Per informazioni dettagliate sul regolamento visitate:http://www.apd.no.it/king_size.html oppure scrivete una mail a info@fipsas.novara.it


Il progetto prevedeva la creazione di un tratto a permessi giornalieri, ripopolato con trote di buone dimensioni che potesse diventare un punto di riferimento nel panorama novarese e non solo.
Iil tratto è lungo circa 4 km, delimitato sia a monte che a valle (inizio e fine riserva) da due chiuse artificiali.
Nei 4 km di riserva che diparte dall’ inizio della roggia a Prato Sesia  la Mora assume caratteristiche molto diverse: si parte dalla classica roggia con sponde erbose, si passa a tratti quasi torrentizi intervallati da buche e salti d’acqua fino ad arrivare all’ultimo tratto canalizzato.





Ambienti molto diversi che si prestano ad approcci diversi ma tutti con un comune denominatore: la presenza di tante e grosse trote!
La Mora già presentava una sua popolazione di fario e marmorate, con l’apertura della riserva sono state immesse fario e iridee con esemplari anche di diversi kg di peso; l’obiettivo non è quello di creare una riserva “pronto-pesca” quanto di conciliare una buona pescosità in un contesto il più “naturale” possibile. Quanto ai salmonidi immessi si è cercato di puntare sulla loro qualità più che sulla quantità fine a se stessa e il risultato è , fino ad ora, eccellente con pesci belli, pinnati e in ottima salute.

Nella riserva si può pescare con tutte le tecniche e sono previsti due tipi di permessi giornalieri: un permesso no kill (con ami e ancorette private di ardiglioni) e un permesso che dà la possibilità di trattenere tre capi. I kill vale anche per pescare in tutte le acque del Fishing Tour Novarese, quindi gli altri tratti della roggia Mora, il Sesia, le altre rogge e canali del circondario piuttosto che nel lago FIPSAS di S.Pietro Mosezzo con bass, perca e lucci… Un unico permesso per una giornata di pesca assolutamente completa dove in pochi km si può passare dalle fario alle marmorate, dai cavedani (tanti) ai bass, dai perca ai grossi lucci!
Il tratto King della Mora era l’ultimo tassello mancante del “mosaico” novarese che ora è andato definitivamente a completarsi offrendo agli spinner (ma non solo a loro) un itinerario di pesca a 360° che non ha molti rivali in tutto il Nord Italia.
I permessi, specie la domenica,  per la nuova riserva sono reperibili presso il lago FIPSAS di S.Pietro Mosezzo, a Romagnano Sesia e presso il Bar Piemonte in via Garibaldi 31 sempre a Romagnano Sesia.
Parlando di pesca, il tratto King è aperto a tutte le tecniche ma sono soprattutto le esche artificiali a trovare in queste acque il perfetto connubio, le acque della Mora favoriscono infatti l’attività sia insettivora che predatoria delle grosse trote.
Per lo spinning, in base alla mia esperienza, consiglio canne piuttosto lunghe (ne uso una da 2,4 m) per essere agevolato in presenza di sponde alte o ostacoli, preferisco artificiali di discrete dimensioni come rotanti di 12/15g e minnow di 7/9cm
. L’importante è che riescano a contrastare bene la corrente e che all’occorrenza sappiano tenere il fondo anche in presenza di flussi sostenuti.
La canna va scelta in base agli artificiali prescelti e in particolare alla gestione degli stessi; per esempio un rotante di 15 g contro corrente necessiterà un attrezzo con una riserva di potenza ben superiore al peso dell’artificiale stesso. Un mulinello del N 2500 caricato con un buon 0.25, stivali o Wader e guadino. Negli altri tratti si può provare a fondo o a galleggiante alla ricerca di barbi,cavedani e carpe.

Nel 2017 per pescare occorre licenza, FIPSAS e permesso giornaliero o annuale. Ulteriore buono per il tratto King Size.
Come arrivare: La Mora costeggia la statale che da Novara porta verso la val Sesia e la troverete alla vostra destra fino a Briona dove scorre sulla sinistra anche nel tratto da Romagnano a Prato Sesia dove vi è il suo inizio che raggiungerete svoltando verso il cimitero e poi scavalcata la ferrovia girerete a sinistra per una sterrata che vi porta al ponte della Brida.


Negozio di pesca a Prato Sesia in Via Matteotti N 26 (la via principale) ;
tel: 0163 850200
fax: 0163 850200
email: info@armeriagioria.com
oppure vedere al sito:http://www.gam-snc.it/

Se partite da Novara potete andare alla Boutique della pesca di Davide Verri in Corso della Vittoria 51/A  

tel. 347 2367334


Permessi: Licenza  e permesso del Fishing Tour con possibilità di buoni giornalieri. I luoghi dove potete reperirli sono segnalati in www.apd.no.it o in http://www.fipsas.novara.it/

*Anedotto: Un giorno il Pellò ando’ in un lago per un  pescata con 2 amici;  Questi montarono alla veloce sulla barca e partirono sulle acque.
Lui: Ohhh e io?
Loro: Tu sei il Messia....Cammina sulle acque

**Attenzione che dalla passarella Merlini a Briona a valle per un certo tratto in sponda orografica sinistra esiste un fondo chiuso col proprietario piuttosto suscettibile….Lo so visto che una volta mi ha beccato.


Mangiare e dormire: la zona è a vocazione turistica e non vi sono problemi. Da segnalare che il circondario di Ghemme è famoso per i suoi vini e proprio nel paese ha sede una notissima fabbrica con spaccio di grappa e l’ acetifico Ponti. Specialità: Tapulon di asino….ma pretendetelo spezzettato e non macinato dato che “tabulato” vuol dire spezzettato fine.

Video You Tube





giovedì 25 maggio 2017

Riapre lo stadio Filadelfia: "Rivive il mito del Grande Torino"



rosso

Pesci e pescate inaspettate




Vi voglio raccontare degli episodi che ho vissuto con amici ma anche colla moglie nel corso degli anni con catture impreviste ed altre non preventivate.
Molti anni fà quando il numero di trote trattenibili era di 10 capi ci recammo in 3 s
Partiamo da quando fui invitato per un articolo nella riserva di Carmagnola da un consigliere della stessa che era ad una riunione a Viverone per formare una alleanza piemontese alternativa alla FIPSAS organizzata seno chi da Messia Renato Pellò (Che dal novembre 2016 è presidente regionale della FIPSAS…..come cambiano le cose!!!). Dopo l ‘ intervista di rito al presidente e fatte alcune foto a dei pescatori della riserva mi dirigo verso il Po e vedo uscire uno che mi segnala una cacciata di una grossa trota che Lui a spinning non era riuscito a catturare. Io avevo ancora in auto l’ attrezzatura del giorno precedente e quindi monto la canna ed uso come esca delle camole che non sono certo l’esca più adatta ad un grosso predatore. Ebbene dopo 2 passate salpai una trota (Che giudicai un ibrido di fario/marmorata) che al bilancino scassato risulto di  4400 gr.

Purtroppo il pescatore mi chiese di dargliela e cosi fece una fine infausta.
Una altra volta ero a pesca con Adriano Taglier mio ex collega (siamo entrambi in pensione adesso) sulla roggia Bona e dopo una giornata a pescare a passata e a fondo Adriano verso l’ imbrunire decise di dare 2 colpi a spinning nella grossa buca e quello che prese lo vedete nella foto.

Video dello spot
https://www.youtube.com/watch?v=UOVh6DRKUuI

A lucci andai anche con il mio idraulico Gasparini che era digiuno di quella tecnica. Lo portai in una lanca del Sesia ed al terzo lancio salpo, con un ondulante, un grosso luccio fotografato poi a casa.

Video spot

https://www.youtube.com/watch?v=1VCD5w_oz2U

Tre anni fa mi recai sul Terdoppio a monte di Caltignaga a vaironi e con mio grande stupore catturai e rilasciai una trentina di piccole lasche; Stupore dato che sembravano esinte e perché io e mio padre assidui frequentatori di quel torrente, spesso e volentieri colla bilancia,  di lasche non ne avevamo mai prese; Le prendevamo e tante nell’ Agogna.

Una altra volta mi recai col mio defunto negoziante Alessandro, la moglie, il Gasparini e 2 altri sul Tanaro a Masio a siluri. In 5 ci ponemmo sulla massicciata e il sesto più a valle dalla parte della spiaggia. Allessandro catturo subito un grosso siluro con l’ anguilla.
 Poco dopo suono il telefonino del sesto che diceva di andargli a fare una foto che ne aveva preso uno anche Lui.
Furono gli unici 2 siluri di oltre 8 ore di pesca.Ah no...anche Gasparini ne presuuno...ma era un 20 cm scarsi!! Io dopo 4 ore a guardare le mie canne a fondo mi stufai e mi misi su una barca ancorata a passata e feci un bel cestino di ciprinidi.

Una altra volta fu organizzato un pranzo in un ristorante con annesso laghetto. Il solito Luca Ragno detto “Selvatico” aveva in auto una canna da mosca e volle provare a prendere qualche trota; Catturo una carpa e un amur di piccole dimensioni!!!


Tornando ai siluri la mia prima cattura di tale specie fu con un siliconico a forma di luccio dopo che avevo tentato ore e ore a fondo con calamari, vermi e porcherie assortite.

Un giorno ero a cazzeggiare alle 7 fontane nella valle del Ticino di Galliate e un amico dell’ innominabile Titta Di Girolamo disse “ Vado a prendere quella grossa marmorata del naviglio Langosco, ci provo a Morto Manovrato alla svizzera”. LA PRESE!!!  11.5 Kg
Una altra volta in piena corrente a spinning agganciai un pesce; Mi aspettavo di tutto meno che un Black Bass che vedete immortalato in mano a mia moglie.




In Austria catturai 2 lucci; Uno di 63 cm a spinning e non una cosa speciale mentre lo fù quando vidi un grosso Esox a galla che pinneggiava stranamente in modo anomale come se fosse sofferente. Montai una canna con un feeder per tentare le carpe e le tinche del laghetto e dopo qualche lancio non agganciai per una pinna il luccio!! Mi mori’ fra le mani e portai in hotel.

In una delle mie prime uscite in Austria Francesco Gargantini porto me e AR* in barca elettrica sul lago Whortera spinning al luccio. Dopo un paio di ore senza risultato al ritorno lasciai un minnow alla deriva a traina e misi la canna sulle gambe. Mentre AR mi filmava e io dicevo “non abbiamo preso nulla ma il posto è bello ecc ecc” ecco la canna sobbalzare; Si era attacato al minnow un lucioperca di circa 1500 gr.
*Di  AR non dico nome e cognome dato che non siamo più in accordo. Dico solo che è un signore, attualmente anziano, che fù presidente della FIPSAS Novara e faceva una trasmissione in onda su TV locali dal titolo PESCARE  E’ BELLO con notizie ed ottimi filmati.

Quando ancora si potevano prendere 10 trote a testa in 3 ci recammo a spinning nella roggia Biraga sperando almeno di scapottare ed invece...


Una altra volta fui invitato per l’ inaugurazione di una riserva in Valle Aosta  (http://pescambiente.blogspot.it/2010/02/trote-di-alta-quota.html) e provando nel laghetto della riserva monto un minnow  snodato da 9 cm sempre imitante la livrea della fario.. La moglie vuole provare anche Lei stranamente… Gli lancio l'artificale e … Fario di 2 kg abbondanti!


E della mia cattura di una delle 10 trote tigri che aveva immesso una riserva ligure che vogliamo dire?